mercoledì 5 aprile 2017

La Siria. Forse non tutti sanno che ...

La famiglia Assad appartiene agli alawiti. La parte più tollerante dell'Islam.

Le donne siriane hanno gli stessi diritti degli uomini nella sanità e nell' istruzione.

Nei Paesi dell’area mediorientale, la Siria è annoverata fra i più progressisti in termini di diritti di genere.

In Siria le donne non sono obbligate a indossare il burqa. La Sharia (la legge islamica) è incostituzionale.

La Siria è l'unico paese arabo con una costituzione laica e non tollera movimenti estremisti islamici.

Circa il 10% della popolazione siriana appartiene ad una delle molte denominazioni cristiane presenti sia nella vita politica che sociale. Questa tolleranza religiosa è unica nella zona.

In altri paesi arabi la popolazione cristiana è inferiore all'1% a causa dell'ostilità sostenuta.

La Siria è l'unico paese del Mediterraneo che resta il proprietario della sua compagnia petrolifera, che ha chiesto di non privatizzare.

In Siria viene concesso il mutuo sociale di dignità per acquistare casa con prestiti molto agevolati...



La Siria ha una apertura alla società e alla cultura occidentale come nessun altro paese arabo.

Fino a prima della guerra civile, l'Italia ha stretto molti accordi di collaborazione con la Siria.

In occasione della visita in Siria nel 2010, Napolitano elogiava Assad e sua moglie per aver reso la Siria un paese civile, laico, tollerante e rispettoso delle minoranze.

Nel corso della storia ci sono stati cinque papi di origine siriana.

Benedetto XVI nel suo discorso all’ambasciatore siriano presso la Santa Sede ha definito la Siria come un esempio unico al mondo "di pacifica coesistenza e tolleranza tra i seguaci di diverse religioni"

Prima della guerra civile era l'unica zona tranquilla senza guerre o conflitti interni.

La Siria è l'unico paese arabo senza debiti con il Fondo monetario internazionale ed ha una sua sovranità monetaria.

E' uno dei pochissimi paesi al Mondo insieme a Russia, Cina, Afghanistan, Iraq, Sudan, Libia, Cuba, Nord Corea, Iran e Islanda a non avere una Banca Centrale Rothschild.

La Siria ha ammesso i rifugiati iracheni senza alcuna discriminazione sociale, politica o religiosa.

Bashar Al-Assad ha un altissimo consenso popolare.

Lo sapevate che la Siria ha una riserva di petrolio di 2.500 milioni di barili, il cui funzionamento è riservata per le imprese di proprietà statale?

In una delle e-mail rivelate da Wikileaks, Hillary Clinton scriveva: “Il modo migliore di aiutare Israele a gestire la crescente capacità nucleare dell’Iran è aiutare il popolo siriano a rovesciare il regime di Bachar al-Assad”.
Aggiungendo: “sarebbe buona cosa minacciare di morte direttamente la famiglia del presidente Assad”.

Mario Rossi







E ancora...

1 - in Siria, non c' è nessuna banca centrale Rothschild.
2 - la Siria ha vietato gli alimenti geneticamente modificati e la coltivazione e l' importazione degli stessi.
3 - la Siria è l' unico paese arabo che non ha debiti con il fondo monetario internazionale, né con la Banca mondiale, né con chiunque altro.
4 - la famiglia Assad appartiene all' orientamento alauita di Islam tollerante.
5 - le donne siriane hanno gli stessi diritti degli uomini allo studio, sanità e istruzione.
6 - le donne siriane non sono obbligate a indossare il burka. La Sharia (legge islamica) è incostituzionale.
7 - la Siria è l' unico paese arabo con una Costituzione laica e non tollera movimenti estremisti islamici.
8 - circa il 10% della popolazione siriana appartiene a uno dei molti rami cristiani, sempre presenti nella vita politica e sociale.
9 - in altri paesi arabi la popolazione cristiana non raggiunge l' 1% a causa dei maltrattamenti subiti.
10- la Siria è l' unico paese del Mediterraneo interamente proprietario del suo petrolio (circa 500.000 barr/day) e che non ha privatizzato le sue aziende statali.
11- la Siria ha un' apertura verso la società e la cultura occidentale come nessun altro paese arabo.
12- la Siria era il solo Paese pacifico in zona, senza guerre o conflitti interni.
13- la Siria è l' unico paese al mondo che ha ammesso i rifugiati iracheni, senza alcuna discriminazione sociale, politica o religiosa.
14- Bashar Al-Assad ha un' elevatissima approvazione popolare.
15- la Siria ha discrete riserve di petrolio (circa 2,5 miliardi di barili), che è riservato alle imprese statali.
16- la Siria si oppone al sionismo e all' apartheid israeliano criminale.

Fonte: informare.over-blog.it

52 commenti:

  1. .... e laddove si viveva in pace L'Occidente delle MULTINAZIONALI e della FINANZA Kriminale non ha alcuna remora nel dispensare ORRORE e MORTE per i suoi Folli disegni di DOMINIO ESCLUSIVO ad ogni COSTO!

    RispondiElimina
  2. Sono stato in Siria tre mesi prima che scoppiasse la guerra e mi piange il cuore sapere che la posso rivedere solo dalle foto che mi sono rimaste, ma ... non è questo paradiso terrestre e la dinastia presidenziale è stata imposta; comunque c'era un certo equilibrio fra le varie tribù tutto a merito del Presidente Assad. Noi non avevamo alcun diritto di intrometterci perché la nostra democrazia non è la loro. Anche se era tangi8bile una certa dissidenza, come pure esiste da noi, doveva essere lasciata in pace.

    RispondiElimina
  3. Si, doveva essere lasciata in pace, come doveva essere lasciata in pace l'Iran, l'Iraq, la Libia etc etc ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente vero, ovunque abbiano messo piede gli occidentali è stata causata solo morte e distruzione.

      Elimina
    2. verissimo... come anche doveva essere lasciata in pace l'Africa ai tempi del colonialismo

      Elimina
    3. Non tutti sanno che gli alawiti sono 11% della popolazione e gli assad hanno ucciso e torturato migliaia di persone

      Elimina
    4. Dovremmo VIETARE le INVASIONI DI TUTTI I TERRITORI, CHI INVADE VIENE SCHIACCIATO DAL RESTO DEL MONDO, NON È ACCETTABILE CHE LE FORZE OCCUPANTI, CASO STRANO SIANO SEMPRE USA RUSSIA INGHILTERRA ecc... Impongano con LA FORZA, LE PROPRIE CONDIZIONI.

      Elimina
  4. il potere angloamericanosionista,non tollera la sovranità e l'indipendenza politico-economica degli stati,qualunque essi siano e dovunque si trovino, altri stati hanno pagato il contributo di sangue alla comprensione generale di cos'è l'imperialismo e i suoi travestimenti "democratici"......oggi è toccato alla Siria la sorte di guerra e morte per il suo popolo...domani saranno altri stati,se non vi è comprensione della pericolosità mortale di tale progetto unipolare che agita da molti anni, le menti distorte di coloro che si ritengono padroni incontrastati del pianeta.

    RispondiElimina
  5. e le armi a chi le vendevano.....tutto per soldi si fa....specialmente la guerra ....bastardi e schifosi

    RispondiElimina
  6. Sono da condannare i governi dei vari stati che si lasciano dominare da questi importatori di una falsa e criminale democrazia

    RispondiElimina
  7. C'è poco da dire esiste una parte del mondo che vive grazie a armi e petrolio e senza guerre e petrolio non potrebbe vivere, la cosa che più preoccupa e infuria è che usano qualsiasi mezzo su qualunque obiettivo per ottenere i loro fini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vera tristezza di ciò che dici è che in questa parte del mondo ci siamo noicon i nostri privilegi le nostre comodità e la nostra ignavia..Almeno siamone consapevoli

      Elimina
    2. Inoltre non temiamo di espandere ad un range più ampio la nostra consapevolezza , come nasciamo con un debito pubblico sociale imposto così anche alimentiamo un sistema che non rispetta i nostri valori perché coercitivo alla sua applicazione.

      Purtroppo farne parte non é un bene ma può esserlo se ci permette di avere uno scopo ed una meta nell interesse comune, di sostegno alla divulgazione per esempio oppure di armamento d' informazioni destabilizzanti per il sistema. Basti pensare a wilkileaks di Assange o Snowden, per capire il senso di fare buon viso a cattivo gioco per far crescere serpi in seno di un sistema più alieno di lui a noi, che noi a lui.

      Elimina
  8. ............una infinita tristezza............

    RispondiElimina
  9. Il corpo diplomatico e ' vigliaccoa ltrimenti si raggiungeva un compromesso .

    RispondiElimina
  10. Ma fino a che punto si può tollerare questo pazzo che fa quello che vuole tanto ha appoggi "interessati" ovunque? Situazione molto complicata...

    RispondiElimina
  11. Articolo fazioso perché non dice tutto.
    1.Assad, come suo padre in precedenza, hanno martoriato il Libano per anni, tenendo sempre i carrarmati al confine, poiché vorrebbero riprenderselo. Assad, insieme agli Hezbollah è il mandante dell'uccisione del primo ministro libanese Hariri e non solo lui...
    2. Per anni ha fatto torturare, spiare e estromettere ogni oppositore politico, anche se questi non era del gruppo radicale al nusra.
    3. La polizia segreta c'è sempre stata, confermato anche da mie amiche e colleghe di università che andarono in Siria molto prima degli scontri.
    4. Solo perché considerati più tolleranti non vuol dire meno bigotti. Anche se sei straniero europeo e cattolico era sempre vietato andare in giro mano nella mano per le coppie non sposate, infatti molte amiche mie che andavano con i compagni si fingevano sposate, con tanto di anelli. Se ti beccano a fare cose strane in giro, ti denunciano e ti fanno passare una notte in cella.
    E tante altre cose che questo signore ha "dimenticato" di scrivere perché sai, le ricerche Google fatte di fretta lasciano il tempo e le verità che trovano, sempre che non sia stato lui a voler "dimenticare" di scriverle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il suo contributo.

      Elimina
    2. Sara',ma gli altri paesi arabi come trattano le donne?Ora si puo' essere pro o contro una certa mentalita',questo pero' non ci consente di intervenire per esportare a forza la democrazia,che poi e' oligarchia finanziaria sostenuta e foraggiata da interessi tutt'altro che democratici. Se si continua a credere alle balle occidentali,dove e'considerato "stato canaglia" chi difende la propria autonomia e la sovranita' nazionale,rifiutando il Fondo monetario ed altre puttanate nate per sottomettere i popoli liberi,allora vuol dire che per noi europei non c'e' piu' speranza!

      Elimina
    3. Ho detto forse che sono d'accordo con la situazione odierna? Che sono d'accordo con le decisioni e le azioni guerrafondaie dei soliti paesi prepotenti? No. Ho detto che l'articolo è fazioso perché non racconta tutta la verità. Non che la verità debba essere usata per comodi altrui. Questo vale sia per i chi ha creato questo schifo che si sta svolgendo in Siria sia per chi scrive cose parziali, senza nemmeno prendersi la briga di citare fonti.

      Elimina
    4. Non mi sembra che quello che scrive possa in qualsiasi modo giustificare quello che è successo e sta succedendo in Siria al suo governo ed esercito legittimi. Penso che chi ha scritto l'articolo non volesse sostenere che sia il paese migliore e più giusto del mondo (quale paese lo è?) ma che quello che viene generalmente detto sulla Siria dai media mainsrtream sia, come (ormai mi ritrovo a pensare) spesso accade, assolutamente fazioso e falso e con una finalità ben precisa: manipolare l'opinione pubblica per permettere agli interessi dei soliti noti di fare quello che vogliono dove vogliono.

      Elimina
    5. Esatto. E' quello che ho pensato anch'io. Giudicare, la facciamo tutti, ma invece di correre bisognerebbe farlo sulla base di fatti accertati, cercando di distinguere il vero da falso. Anche le armi di distruzione di massa di Gheddafi (autore di tante malefatte anche lui), erano un fatto "accertato", solo che anni dopo si è scoperto che non era vero niente, ma ormai le masse (appunto) hanno dimenticato ..

      Elimina
  12. eppure parte tutto da'Assad con i suoi "shaiba/shabiba"(militari effettivi in abiti civili) .

    RispondiElimina
  13. Attenzione... Ho letto tanti commenti pro Siria, ma credo siano il risultato di tanta ignoranza. Chi veramente ha studiato la storia della Siria sa che la popolazione è sempre stata formata da diverse tribù che per diversi motivi si sono sempre combattute per raggiungere il potere.La Siria non è mai stato un paese libero, anzi il contrario. Intere famiglie sono scomparse solo perché ritenute scomode alla ditattura. Perché di ditattura si deve parlare. Mi pongo una domanda: ma i bimbi che vengono uccisi dai terroristi o dai bombardamenti americani o dallo stesso Assad hanno qualche differenza? Credo proprio di no. Altra domanda: l"uso di armi chimiche le quali miettono migliaia di vittime innocenti delle quali moltissimi bambini è giustificato perché utilizzato per contrastare i terroristi? Beh cari signori e care signore vi rispondo io, NOoooo, assolutamente. Non dobbiamo scandalizzarci se l'America bombarda una base militare siriana ma scandilizziamoci quando vediamo che gli ordini di Assad provocano migliaia di vittime in pochi mesi in nome della lotta ai terroristi. Alla violenza nessuno dovrebbe rispondere con la violenza. Detto questo mi rivolgo a chi parla o critica senza conoscere di andare a fondo sull'argomento e poi di commentare. Sono quasi certo che tanti cambierebbero opinione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la Siria diventa come l'Iraq e come la Libia, qualcosa cambia in meglio?..... Nessuno parla mai dell'Arabia Saudita: Questo dipende dal fatto che le sue risorse sono privatizzate anzichè restare pubbliche come in Siria o è perchè, pur non essendo uno stato stato democratico, è amico degli USA e della grande finanza internazionale?

      Elimina
    2. "Alla violenza nessuno dovrebbe rispondere con la violenza. Detto questo mi rivolgo a chi parla o critica senza conoscere di andare a fondo sull'argomento e poi di commentare. Sono quasi certo che tanti cambierebbero opinione."

      L'articolo è chiaramente di parte, ma tranquillo che anche te fai parte di quelli che critichi.
      Pensare che sia stato Assad a fare questo attacco chimico inutile ai suoi fini è da idioti ingenui. punto.

      Elimina
    3. Mi spiace ma mi sembra che sia tu a non sapere assolutamente nulla. Lo schema è sempre lo stesso, creare le condizioni per un attacco militare occidentale in stati i cui governi non si allineano con gli interessi occidentali. E questa è semplicemente l'ennesima volta ma sembra che la maggior parte delle persone non si accorgano dello schema ripetuto e ripetuto.

      Elimina
  14. Ho lavorato a lungo nei paesi del Golfo visitando i singoli paesi per un buon lasso di tempo Ho anche visitato la Siria mentre basato in Libano, sinceramente posso affermare che a parte la Giordania, l' unico paese 'vero' e' la Siria; dove la vita non e' artificiale, il nostro Dottore di famiglia era Siriano sltrettanto il Dentista. In mia opinione il resto deibpaesi del Golfo in alleanza con l Turchia, hanno cercato e ptovocato una rivolta che nkn aveva ragione d' essere. Il sovrano Turco ha gli occhi sopra le regioni del Nord della Siria, mentre Sauditi e Qatarini hanno l'interesse di alzare gli argini contro il dilagare degli shia quali hanno in mano il nord del' iraq e prolofica nel vicino Libano a batter d'occhio. La scusa del gasdotto e' stata la scintilla; ma dietro le quinte c'e' molto molto fi piu'Al Hassad per-se e' diventato scomodo alleato non e' 'cool'

    RispondiElimina
  15. Dove c"e "Petrolio"fanno Guerra. Tutto questo si fa per arrechirsi di piu che e possibile.Ma e una cosa Monstruosa,perche in Tutta questa "Guerra"sono sempre inocenti che lo subbiscono.Loro sempre se la cavanno,ma ce un Dio che Vede e Provede.Prego con tutto il cuore che tutto questo "Guerra"finischa all piu presto.

    RispondiElimina
  16. Non mi spiego quaesto innamoramento per Assad, come se fosse un Capo di Stato democratico e illuminato, assediato dai cattivi occidentali. Bashar Assad ha fatto ad Aleppo quello che aveva fatto il padre ad Hama negli anni '80, quando aveva ammazzato decine di migliaia di oppositori al regime facendoli passare per terroristi; mentre contemporaneamente appoggiava e riforniva i terroristi di Hezbollah contro Israele, come ha continuato a fare il figlio, alleato a quell'altra democrazia che è l'Iran. Poi aveva buttato fuori decine di migliaia di Palestinesi facendoli rifugiare in Libano, creando così la causa principale della guerra civile; dopodichè, con il pretesto di portare ordine, aveva occupato il Libano per quasi trent'anni. Brava gente gli Assad

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma se 80 000 soldati siriani (il numero dell'intero esercito italiano): padri di bambini siriani, figli di madri siriane e mariti di donne siriane sono morti per difendere la sovranità della Siria con a capo Assad forse il suo popolo gli vuole bene... se gli arruolamenti volontari continuano, nessun Presidente può resistere a 6 anni di invasione senza l'appoggio del suo popolo...
      possono raccontarci le balle che vogliono, ma chi ragiona con la sua testa saprà sempre fare 2+2

      Elimina
    2. Ivan,perché è più facile credere che Assad sia un buono vittima di cattivoni, che credere alla verità ovvero che tra lui, gli Usa, i ribelli e Putin sono solo una macedonia di persone schifose. Solo perché era un dittatore non vuol dire che doveva subire un invasione, ma per favore non dimenticate chi era Assad prima di questa guerra. Un assassino, nulla più.

      Elimina
  17. Qui non si tratta di fare il tifo per questo o per quell'altro, nessun governante è "pulito".
    Questa storia mi ricorda tanto quella di Gheddafi però: i soliti "cattivi" con i quali fino a ieri si ci dava grandi pacche sulle spalle, improvvisamente diventano bersagli da abbattere.
    Il potere ha le sue ragioni, che la ragione ignora! ;)
    Né Assad, né Gheddafi rappresentano un modello di umanità ma i loro paesi non stavano peggio dei nostri. E che dire dei nostri "democratici" governanti? Oppure non vogliamo nemmeno vedere ciò che succede davanti ai nostri occhi, qui da noi?

    RispondiElimina
  18. se fosse stato un altro stato a fare quello che ha fatto l america tutte le organizzazioni onu nato ue sarebbero stati contro e avrebbero fatto sanzioni e conadannato il fatto se se lo fa AMERRICA TUTTO VA BENE

    RispondiElimina
  19. Mi piace soltanto la laicita' di assad.il laico Turchia non ha dato il permesso di costruire una chiesa anche dopo 30 anni di attesa.però assad ha dato il permesso in un mese.se si governa bene perché andare contro corrente? La politica è sempre una finzione sia in Europa sia in siria

    RispondiElimina
  20. Leggodei commenti deliranti. Preferisco Assad perche' e' laico.. il post poi, spazzatura propagandistica. Sara'fabbricata dai russi per tentare di banalizzare l'orrore di un dittatore sanguinario. Non conosco la crepa nel muro. Dagli argomenti trattati direiun post di estrema destra. Dei perdenti dellastoria insomma..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma per favore...mi sa che forse è meglio che lei si studi un po' la storia, basterebbe quella recente... perchè, come ho accennato in un commento sopra, lo schema usato è sempre lo stesso.

      Elimina
  21. Sono un ignorante,non ho capito molto dell'articolo e Delle risposte,pero' ho capito che un organismo come l' Onu e' inutile, infatti x porre fine alle gravissime tragedie il mondo ha bisogno di un governo del mondo, non di un ente burocratico, ma di una politica efficacia che intervenga la dove e' minacciata la democrazia. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusi ma cosa intende lei per democrazia?

      Elimina
  22. a me non frega un tubo nè di ammerica ,nè di ARABI ecc ecc ,ogni nazione pensi e provveda solo x casa sua e stiamo tutti meglio

    RispondiElimina
  23. Bah per me c'è un accordo fra Russia ed USA con l'attenzione della Cina ... i flussi economici sono più complessi di queste elementari descrizioni ... il petrolio ha un suo mercato libero molto conveniente ... per alcuni ... ASSAD è capo di un paese evoluto come HITLER poi ... dividere buoni e cattivi in quel mondo fa ridere i polli son solo pregiudizi e prescrizioni

    RispondiElimina
  24. Uno dei problemi più grossi è proprio questo: volere a tutti i costi distinguere i cattivi dai buoni. Più abbiamo accesso all'informazione e più è difficile fare la differenza..
    Assad è un assassino, come praticamente tutti i capi di stato. Non posso comprendere le sue mosse ma di certo buono non è! Sono le tempistiche che mi incuriosiscono: mettere l'accento sull'ennesimo atto di crudeltà, sull'"errore", e puntare sulla distruzione di un individuo da abbattere, esattamente come per Sadam Hussein, Bin Laden, Gheddafi etc ...
    Che quell'individuo sia poi di destra o di sinistra non è importante, perché oggi queste distinzioni non hanno più nessun senso. Le alleanze umane sono di tipo affaristico e non politico, ma le ideologie di tipo religioso sono invece ben presenti, indotte e alimentate nelle popolazioni. Ciò che conta, per il potere, è avere sempre carne da macello a disposizione, non importa il modo con il quale ottenerla...

    RispondiElimina
  25. Si dice"tutto il Mondo è Paese" e significa che l'umanità ha molto in comune; siamo in fondo simili negli istinti e nei cinque sensi; le differenze derivano dall'ambiente e dall'educazione ricevuta.

    RispondiElimina
  26. E la storia...che si ripete!!!!!...penso che tt vuoi abbiate studiato la storia a scuola!!!!!...e che cosa avete studiato..di cose o fatti importanti....io ricordo..guerre di..rivoluzioni..confliti...colonizazzioni...invasioni ..dove tt anno avuto nomi importanti.....avute scopiate x vari motivi e a cui scopo era avere la pace.(credo)..quindi nn ce pace se guerra ..nn ce potere se guerra ,nn c'è economia se guerra....nn c'è compasione se guerra....e credere chia ragione in tt quest ,o chi e il cattivo o il buono..o sapere che.....nn a senso ....sperare che tt questo finisca....e pregare fortemente che nn capiti a noiiiii....tt questo orore

    RispondiElimina
  27. Mi pare opportuno ricordare (giudizi morali a parte) che Al-Assad bene o male rappresenta la continuità istituzionale della Siria. Se vogliamo dare una bella botta allo Stato Islamico c'è da rafforzare lo Stato siriano invece di finanziare chi (per qualunque ragione) lo vuole destabilizzare. Stabilità prima. Eventuali transizioni verso un regime meno tirannico poi. In questo la Russia è molto coerente.

    RispondiElimina
  28. Sono molto scettico nell'accettare una visione così benevola di Assad e del suo regime. Nonostante possa assomigliare maggiormente alla nostra visone del mondo mi sono sempre chiesto: perché se in un paese scoppia la guerra civile, il governante, prima di lasciare il potere, arriva a proporsi come feroce dittatore sterminatore. Perché volersi sobbarcare tanta atrocità, invece che rinunciare al potere? Qualcosa, non mi quadra.

    RispondiElimina